Associazione "Alfabeto di comunità":
 
"Alfabeto di comunità" è un'associazione culturale autonoma che organizza gruppi di studio dedicati all'alfabetizzazione reciproca nelle dimensioni civica e politica, teatrale e musicale, narrativa e poetica, linguistica e filosofica.

Cosa siamo

 

 

"Alfabeto di comunità" è un'associazione culturale autonoma, con sede a Foligno, dedita a partire dal settembre del 2021 all’alfabetizzazione civica e politica, teatrale e musicale, narrativa e poetica, linguistica e filosofica.

Ma cosa intendiamo, esattamente, per “alfabetizzazione”?

La pratica dell’alfabetizzazione avviene, presso la nostra associazione, secondo il principio della reciprocità: mediante l’organizzazione di gruppi di studio, offriamo a tutti i membri - nonché a tutti gli interessati e i curiosi - l’opportunità sia di insegnare che di apprendere linguaggi e contenuti relativi alla politica, al teatro, alle lingue, alla musica, alla poesia, all’arte della narrazione scritta e orale.

Ispirandoci alla pratica tradizionale dell’artigianato di qualità e applicando tale eredità fondamentale ai prodotti culturali moderni, miriamo anche a produrre, grazie alla collaborazione con altre associazioni e imprese, registrazioni di brani musicali, presentazioni di spettacoli teatrali, stampe di narrazioni letterarie, stampe e letture in pubblico di poesie e di dialoghi filosofici.

L’associazione mira a raccogliere gli scoraggiati e i disperati che, sbarcati dalla nave del progresso “sociale” e del consumismo-produttivismo durante la pandemia, non intendono affogare, piuttosto desiderando aggrapparsi alle proprie passioni e interessi e amori per rigenerare sé stessi e la comunità.

Organizziamo, dunque: gruppi di teatro; gruppi di studio di politica (intesa come costruzione di comunità); gruppi musicali; gruppi di studio di lingue e culture; gruppi di studio di scrittura, traduzione e perfezionamento di testi; gruppi di studio e di lettura poetica in pubblico; gruppi di studio di fondamenti di filosofia, gruppi di lettura in pubblico di dialoghi filosofici.

L’associazione è autonoma rispetto a qualsiasi ordinamento di diritto statalistico o privatistico e si oppone attivamente al consumismo-produttivismo e all’oppressione sociale burocratica.

Per partecipare ai gruppi non è richiesto alcun tesseramento né pagamento di quote; è sufficiente contattarci. I gruppi partiranno nel settembre del 2021.

Il sito dell’associazione è ospitato dal dominio "www.ponteperugia.it".

..

 

Lingue e culture

 

Fra le lingue e culture straniere che vorremmo studiare insieme a partire dal settembre del 2021, vi sono:

- lo yiddish

- il greco antico dei filosofi (Platone e Aristotele, la Stoà e l'Epicureismo)

- il giapponese del cinema d'animazione (Hayao Miyazaki)

- il ceco del Buon soldato Svejk

- il latino classico del diritto e del pensiero politico (Cicerone, Seneca, etc.)

- l’italiano del tardo Medioevo, dell’umanesimo (Dante, Leon Battista Alberti, Machiavelli, etc.)  e del teatro popolare

- l’inglese del teatro (elisabettiano e successivo) e della narrazione musicale popolare anglofona (Alan Lomax)

- il francese della filosofia (Pascal, Montesquieu, Diderot) e del grande romanzo sociale e antisociale (Hugo, Flaubert, Balzac, Proust, etc.)

- il tedesco della filosofia romantica e dei racconti di Franz Kafka.

Per unirti, o per proporre la formazione di gruppi di studio di altre lingue e culture, contattaci.

Arte e pensiero

 

Organizziamo gruppi in cui, secondo il principio della reciprocità, ci incontriamo per insegnare l'uno all'altro e per imparare insieme.

- Gruppi di studio e di recitazione teatrale, ispirandoci alla grande tradizione europea, sia popolare che d'autore, ma senza necessariamente avere troppe pretese intellettuali;

- gruppi di ascolto e di pratica musicale, ispirandoci alla musica popolare e a tutta quella musica d'autore (creata da singoli artisti o da band) che, partendo dalla tradizione popolare, ha sviluppato il linguaggio musicale moderno, nelle forme del rock, del rhythm'n'blues, del folk, dell'hip-hop;

- gruppi di lettura poetica, tra di noi e in pubblico, dedicati sia a poesie nostre che a poesie d'autore;

- gruppi di scrittura, traduzione, revisione testi: per migliorare insieme la nostra capacità di scrivere, di tradurre, di perfezionare testi narrativi e letterari, argomentativi e di saggistica, informativi e giornalistici;

- gruppi dedicati allo studio dei fondamenti della filosofia e alla lettura in pubblico di dialoghi filosofici: per approfondire, sorprenderci e divertirci insieme, all'avventurosa ricerca dei principi fondamentali del pensiero e della realtà.

Nel nome della grande tradizione dell'artigianato di qualità, intendiamo anche creare - a partire da questi gruppi e mediante la collaborazione con altre organizzazioni - prodotti culturali come registrazioni musicali, stampe di racconti e poesie e dialoghi filosofici, spettacoli teatrali e musicali. 

Politica comunitaria

 

I nostri gruppi di studio politico partono da, ma non si fermano a, i seguenti presupposti:

ispirandoci al pensiero di Hannah Arendt, di Ivan Illich e di altre persone autenticamente libere, intendiamo la politica in una chiave comunitaria, non sociale: per noi la politica è costruzione di comunità, ispirata ai principi del repubblicanesimo, della partecipazione appassionata ma non obbligatoria, della solidarietà come “essere insieme” e non come paternalismo sociale, dell’apertura all’altro come identità in relazione e non come la sedicente “open society” delle porte chiuse in faccia alle persone e dei porti aperti ai forti e chiusi ai deboli.

La “rete” è per noi il sogno di nuove comunità repubblicane che si tocchino e contagino, non l’incubo monopolistico realizzato dalle aziende-mondo Google, Amazon, Twitter, Apple: il sogno informatico dei nostri genitori e di noi da ragazzi si è infatti tramutato da utopia in distopia.

Il “progresso” è per noi solo quel che riusciamo a fare con i nostri sforzi per cambiare qualcosa che, umanamente, non possiamo accettare; non la legge della storia o della natura in cui credono molti “progressisti”.

Il “sovranismo” e il “primato della politica” sono per noi solo illusioni centralistiche e statalistiche che non offrono le armi adatte per combattere l’odierno neoliberalismo consumistico-produttivistico.   

La “democrazia” è per noi una nozione non da criticare, bensì da reinterpretare in chiave repubblicana: non il governo del popolo, ma il governo di tutti - élite incluse - è l'obiettivo, per far sì che la comunità non sia né resa vittima, in quanto "popolo", del populismo personalistico né trasformata in “popolazione” (vale a dire in una massa spersonalizzata di individui disumanizzati) da élite tecniche relegate dietro le quinte di una democrazia che non le può rappresentare ufficialmente perché fondata sui partiti di massa e sulla retorica demagogica.

Il parlamento, non il governo, è al centro della nostra concezione della politica, in un quadro liberato dallo Stato nazionale centralistico e massificante (le cui versioni peggiori, perché radicalmente sovradimensionate, troviamo forse nelle attuali Russia e Cina), incluse le sue recenti forme aggiornate e dissimulate - come ad esempio i due superstati dell’Unione europea e degli Stati Uniti d'America - e incentrato su comunità autonome fra loro in fertile relazione.

Ripartire dal territorio per uscire dall'incubo, immaginare la rete per coronare il sogno.

Contattaci

Telefono: 320/1110046 (no WhatsApp)

Posta elettronica: cassonealberto@gmail.com

Posta: Via Sicilia 12, 06034 Foligno

IN BACHECA:

 

 

Quando ho aperto

........................................................................................... 

L'arte politica della filosofia

...........................................................................................

Ti racconto di...

...........................................................................................

Lascia che poesia

  

CLICCA E LEGGI UNA... STORIA FANTASTICA DI FOLIGNO